Teatro Duse Bologna: la stagione teatrale 2019/2020

I grandi interpreti della scena, i maestri della regia, i titoli più affascinanti della drammaturgia classica e le opere più interessanti degli autori contemporanei: è la Stagione di Prosa 2019/2020 del Teatro Duse di Bologna che si conferma palcoscenico di spicco nel panorama teatrale nazionale

Teatro Duse di BolognaTeatro Duse di Bologna

Stagione di Prosa 2019/2020 del Teatro Duse di Bologna che si conferma palcoscenico di spicco nel panorama teatrale nazionale. Sono 18 gli spettacoli in cartellone, di cui 16 titoli in abbonamento e 2 spettacoli in opzione. Tra ritorni e debutti, saranno in scena protagonisti del calibro di Michele Riondino, Lello Arena, Maria Paiato, Mariangela D’Abbraccio, Giulio Corso, Gaia De Laurentiis, Ugo Dighero, Massimo Dapporto, Umberto Orsini, Alessio Boni, Serra Yilmaz, Luigi Lo Cascio, Sergio Rubini, Maria Amelia Monti, Franco Branciaroli, Lella Costa, Enzo Iacchetti, Pino Quartullo, Massimo Venturiello, Alessandro Haber, Alvia Reale, Geppy Gleijeses, Marisa Laurito, Benedetto Casillo, I Legnanesi, Massimo Lopez, Tullio Solenghi.

Una proposta artistica d’eccellenza sempre più apprezzata dal pubblico. Basti pensare che la stagione 2018/2019, costellata da numerosi sold out, ha ottenuto una media di gradimento da parte degli spettatori pari al 98%.

La Programmazione del Teatro Duse di Bologna

11 | 13 ottobre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

TEATRO STABILE DELL’UMBRIA

CON IL CONTRIBUTO SPECIALE DELLA BRUNELLO CUCINELLI SPA

Michele Riondino

con Francesco Bonomo, Federica Rosellini

IL MAESTRO E MARGHERITA

di MICHAIL BULGAKOV

riscrittura LETIZIA RUSSO

regia ANDREA BARACCO

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

Opera tra le più potenti del Novecento, romanzo affascinante, magico e perturbante per generazioni di lettori di tutto il mondo, Il Maestro e Margherita racconta come, nella Mosca degli anni Trenta, il diavolo, sotto le mentite spoglie di un esperto di magia nera di nome Woland, semini scompiglio insieme alla sua bizzarra cricca di aiutanti. L’interesse di Woland è rivolto in particolare a un misterioso scrittore, il Maestro, rinchiuso in una clinica psichiatrica dopo i frequenti rifiuti ricevuti dai critici letterari, e alla sua amante, Margherita, innamorati perdutamente quanto incapaci, per le circostanze avverse del loro incontro, di trovare pace e serenità. Intanto, a Gerusalemme, il procuratore di Giudea Ponzio Pilato, impegnato a processare per sedizione un tale di nome Joshua Hanozri, è assalito dai dubbi di coscienza.

25 | 27 ottobre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

ENTE TEATRO CRONACA VESUVIOTEATRO IN CO-PRODUZIONE CON TEATRO ELISEO

Lello Arena

con Maria Bolignano, Giorgia Trasselli

MISERIA E NOBILTÀ

di EDUARDO SCARPETTA

adattamento teatrale LELLO ARENA, LUCIANO MELCHIONNA

regia LUCIANO MELCHIONNA

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Miseria e nobiltà. Miseria o nobiltà? Una cosa è certa, l’una non esisterebbe senza l’altra, così come il palazzo signorile, affrescato e assolato, non starebbe in piedi senza le sue fondamenta buie, umide e scrostate. Un perfetto ecosistema: senza un solo elemento, crolla l’intera architettura. In uno scantinato/discarica, mai finito e mai decorato, dove si nascondono istinti e rifiuti, tra le ceneri della miseria proliferano e lottano per la sopravvivenza ratti che presto, travestiti da cani o gatti, sgomiteranno per salire alla luce del sole. Sono personaggi che trascinano i propri corpi come fantasmi affamati di cibo e di vita. ‘Ombre si dice siano, queste maschere, ombre potenti’ in bilico tra la miseria del presente e la nobiltà della tradizione, intesa come monito di qualità e giusto equilibrio. In un pianeta dove i ricchi sono sempre più ricchi, grazie ai poveri che sono sempre più poveri, non ci resta che… ridere. Un’opera comica, dunque, per anime compatibili con la risata, in attesa del miracolo.

8 | 10 novembre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

SOCIETÀ PER ATTORI, FONDAZIONE TEATRO METASTASIO DI PRATO

IN COLLABORAZIONE CON NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA

Maria Paiato

MADRE COURAGE E I SUOI FIGLI

di BERTOLT BRECHT

traduzione ROBERTO MENIN

regia e drammaturgia musicale PAOLO COLETTA

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

In un tempo distopico in cui l’essere umano è capace di abituarsi alla sua stessa fine, Madre Courage si muove in un mondo che già non c’è più: sopravvissuta tra i sopravvissuti, nonostante la morte dei figli, continua tenacemente a maledire la pace e a credere che non tutto sia perduto. Brecht scrisse il testo quando era già in esilio nel 1938 alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale. Un’opera di contraddizioni e antinomie, a partire dalla principale: Madre Courage si sforza di proteggere i suoi figli dalla guerra, grazie alla quale lei stessa vive e guadagna, ma li perde inesorabilmente uno dopo l’altro. La donna e il suo carro sono immediatamente emblematici di questa distorsione esclusivamente umana, dove la paura della morte si sconfigge entrando in un’economia di morte. Ogni volta che uno dei suoi figli viene a mancare, Madre Courage è sempre occupata nei suoi affari e nei suoi commerci. L’identità femminile in Courage si scardina dai modelli, dal dover corrispondere ad aspettative già date, dall’obbligo di una responsabilità materna infinita ed eterna, aprendosi alla possibilità di una figura forse sgradevole, forse sospesa sulla soglia tra bene e male, e, in questo senso, forse incompiuta.

15 | 17 novembre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

GITIESSE ARTISTI RIUNITI IN COLLABORAZIONE CON AMAT

Mariangela D’Abbraccio, Giulio Corso

UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO

di TENNESSEE WILLIAMS

traduzione MASOLINO D’AMICO

regia PIER LUIGI PIZZI

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Leggenda vuole che fosse proprio su un tram, su cui girovagava da studente, che il giovanissimo Tennessee Williams si facesse l’idea di un dramma che svelava il lato oscuro del sogno americano. Questa storia divenne il capolavoro di Williams. Un testo amato, odiato, comunque conosciuto in tutto il mondo, una pietra miliare del teatro e del cinema che ancora oggi si continua a leggere e a vedere rappresentato con interesse ed emozione: una storia in tre atti che alzava il velo sulla macchina oppressiva della famiglia, dell’anima ipocrita dei pregiudizi, la feroce stupidità delle paure morali. Il dramma che vinse il premio Pulitzer nel 1947, mette per la prima volta l’America allo specchio su cose come l’omosessualità, sesso, disagio mentale, famiglia come luogo non proprio raccomandabile, maschilismo, femminilità maltrattata, ipocrisia sociale. Col tempo è diventato veicolo di altre ragioni, sociologiche, ideologiche. Il testo è ambientato nella New Orleans degli anni Quaranta e narra la storia di Blanche che, dopo il pignoramento della casa di famiglia, si trasferisce dalla sorella Stella, sposata con un uomo rozzo e volgare di origine polacca Stanley. Blanche è alcolizzata, vedova di un marito omosessuale, e cercherà, fallendo, di ricostruire un rapporto salvifico con Mitch, amico di Stanley. Ma il violento conflitto che si innesca fra lei e Stanley, la porterà alla pazzia, già latente in lei.

29 novembre | 1 dicembre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

A.ARTISTIASSOCIATI IN CO-PRODUZIONE CON SYNERGIE ARTE TEATRO E

IN COLLABORAZIONE CON FESTIVAL TEATRALE DI BORGIO VEREZZI

Gaia De Laurentiis, Ugo Dighero

ALLE 5 DA ME

di PIERRE CHESNOT

regia STEFANO ARTISSUNCH

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

La commedia racconta dei disastrosi incontri sentimentali di un uomo in cerca di stabilità affettiva e di una donna alla ricerca spasmodica di un essere di sesso opposto che la possa rendere madre. I protagonisti sono Gaia De Laurentiis che interpreta cinque donne che corteggiano un uomo e Ugo Dighero che invece dà voce e volto a cinque uomini che corteggiano una donna. Come spesso capita nella vita, quando si vuole incontrare qualcuno alla svelta, si diventa poco selettivi, così, i due protagonisti finiscono per trovarsi ad accogliere in casa personaggi davvero singolari ed a tratti paradossali, attraversando un vero e proprio percorso ad ostacoli che li porterà a cimentarsi con grande maestria nelle più svariate interpretazioni, dimostrando ognuno le proprie straordinarie capacità attoriali.

6 | 8 dicembre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

CHI.TE.MA

I Legnanesi

NON CI RESTA CHE RIDERE

di ANTONIO PROVASIO

regia ANTONIO PROVASIO

(DUSEinopzione)

Dopo il nuovo record di oltre 170.000 spettatori che hanno affollato i teatri nella scorsa stagione, I Legnanesi tornano a grande richiesta anche nel cartellone 2019/2020 con un nuovo spettacolo per trascorrere due ore spensierate insieme alla Famiglia Colombo, Teresa, Mabilia e Giovanni. Un invito a lasciarsi incantare dai sontuosi quadri della rivista all’Italiana. Divenuti un fenomeno artistico nazionale e reduci dalla grande festa con cui la compagnia lombarda ha festeggiato 70 anni di carriera e di grandi successi, I Legnanesi, ancora una volta, saranno in grado di divertire e stupire il pubblico.

13 | 15 dicembre venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

PIETRO MEZZASOMA

Massimo Dapporto

con Susanna Marcomeni, Roberto D’Alessandro, Matteo Francomano, Federico Rubino

UN BORGHESE PICCOLO PICCOLO

tratto dall’omonimo romanzo di VINCENZO CERAMI

adattamento teatrale e regia FABRIZIO CONIGLIO

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Tratto dal celebre romanzo di Vincenzo Cerami e già capolavoro cinematografico di Mario Monicelli con Alberto Sordi, Un borghese piccolo piccolo, diventa una pièce e approda a teatro con le musiche di Nicola Piovani e la regia di Fabrizio Coniglio. In scena una tragicommedia che regalerà momenti di comicità, ma che apre anche alla riflessione, al dibattito sulla possibilità di essere tutti uguali di fronte alla legge, sulle pari opportunità di emancipazione sociale ed economica, sul desiderio di aggirare le regole per ottenere facilmente ciò di cui si ha bisogno. Giovanni Vivaldi è un ‘borghese piccolo piccolo’, un uomo di provincia che lavora al ministero. Il suo più grande desiderio è quello di sistemare suo figlio Mario, proprio nel ministero in cui Giovanni lavora da oltre trent’anni. Ma come ottenere una raccomandazione per il figlio? Da qui la sua ricerca disperata di una scorciatoia, in questo caso rappresentata dalla Massoneria, per garantire un futuro al figlio.

17 | 19 gennaio venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

COMPAGNIA UMBERTO ORSINI E TEATRO STABILE DELL’UMBRIA

Umberto Orsini

con Lucia Lavia, Renata Palminiello, Pietro Micci, Chiara Degani, Salvo Drago

IL COSTRUTTORE SOLNESS

da HENRIK IBSEN

uno spettacolo di ALESSANDRO SERRA

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

Solness è un grande costruttore che edifica la propria fortuna sulle ceneri della casa di famiglia della moglie derubandola di ogni possibile felicità futura. Solness è terrorizzato dai giovani che picchiano alla porta e chiedono ai vecchi di farsi da parte. Ma la giovane Hilde non si preoccupa di bussare, decide di fare irruzione con una energia sottile e implacabile. È tornata per rivendicare il suo regno di Principessa. Quel castello in aria che il grande costruttore le promise dieci anni prima. Solness si nutre della vita delle donne che lo circondano ma quest’ultima gli sarà fatale e lo accompagnerà, amandolo, fino al bordo del precipizio. Se Solness è un costruttore, Ibsen è un perfetto architetto in grado di edificare una casa dall’aspetto perfettamente borghese e ordinario, nelle cui intercapedini si celano principesse dimenticate, demoni e assistenti magici al servizio del padrone. Il giorno del giudizio sotteso in tutta l’opera di Ibsen trova esplicita dichiarazione finale nel momento in cui, al culmine di tre atti in costante tensione, si arriverà alla sentenza finale. Una condanna inesorabile che sarà lo stesso Solness ad emettere contro sé stesso, senza pietà.

31 gennaio | 2 febbraio venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

NUOVO TEATRO DIRETTA DA MARCO BALSAMO IN CO-PRODUZIONE CON FONDAZIONE TEATRO DELLA TOSCANA

Alessio Boni, Serra Yilmaz

con Marcello Prayer

DON CHISCIOTTE

liberamente ispirato al romanzo di MIGUEL DE CERVANTES SAAVEDRA

adattamento teatrale FRANCESCO NICCOLINI

drammaturgia ROBERTO ALDORASI, ALESSIO BONI, MARCELLO PRAYER, FRANCESCO NICCOLINI

regia ALESSIO BONI, ROBERTO ALDORASI, MARCELLO PRAYER

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Chi è pazzo? Chi è normale?  Forse chi vive nella sua lucida follia riesce ancora a compiere atti eroici. Di più: forse ci vuole una qualche forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere atti eroici. La lucida follia è quella che ti permette di sospendere, per un eterno istante, il senso del limite: quel “so che dobbiamo morire’ che spoglia di senso il quotidiano umano, ma che solo ci rende umani. L’animale non sa che dovrà morire: in ogni istante è o vita o morte. L’uomo lo sa ed è, in ogni istante, vita e morte insieme. Emblematico in questo è Amleto, coevo di Don Chisciotte, che si chiede: “chi vorrebbe faticare, soffrire, lavorare indegnamente, assistere all’insolenza dei potenti, alle premiazioni degli indegni sui meritevoli, se tanto la fine è morire?”. Don Chisciotte va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico, eroico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano e che, involontariamente, l’ha reso immortale.

7 | 9 febbraio venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

NUOVO TEATRO DIRETTA DA MARCO BALSAMO

Luigi Lo Cascio, Sergio Rubini

con Lorenzo Lavia, Roberto Salemi, Geno Diana

DRACULA

da BRAM STOKER

adattamento teatrale CARLA CAVALLUZZI, SERGIO RUBINI

regia SERGIO RUBINI

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

Dracula è prima di tutto un viaggio notturno verso l’ignoto tra lupi che ululano, grandi banchi di foschia e croci ai bordi delle strade. Ma è anche un viaggio interiore che è costretto ad intraprendere il giovane procuratore londinese Jonathan Harker, incaricato di recarsi in Transilvania per curare l’acquisto di un appartamento a Londra effettuato da un nobile del luogo. Il giovane avvocato non immagina la sciagura che lo attende, ma immediatamente, appena ha inizio il suo viaggio, sprofonda in un clima di mistero e di scongiuri. È proprio in questo clima di illusione, di oscurità e paura che il giovane Harker verrà calato prima ancora di conoscere il Conte e quando si accosterà al cancello del Castello, come chi sopraggiunge nell’Ade comprenderà di essere finito in una tomba. Il viaggio che compie il giovane Harker non si limita a quell’esperienza fatta di angoscia e paura. L’orrore di ciò che ha vissuto al Castello deborda e finisce con l’inghiottire tutta la sua esistenza, diventa un’ossessione che contamina tutto ciò che ha di più caro, destabilizzando irrimediabilmente ogni certezza.

14 | 16 febbraio venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

GLI IPOCRITI MELINA BALSAMO

Maria Amelia Monti

con Roberto Citran, Sabrina Scuccimarra, Sebastiano Bottari, Marco Celli, Giulia De Luca, Stefano Guerrieri, Laura Serena

MISS MARPLE

GIOCHI DI PRESTIGIO

di AGATHA CHRISTIE

adattamento teatrale EDOARDO ERBA

regia PIERPAOLO SEPE

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Miss Marple, la più famosa detective di Agatha Christie, sale per la prima volta su un palcoscenico in Italia. E lo fa con la simpatia di Maria Amelia Monti, che dà vita a un personaggio contagioso, in un’interpretazione che creerà dipendenza. Siamo alla fine degli anni Quaranta, in una casa vittoriana della campagna inglese. Miss Marple è andata a trovare la sua vecchia amica Caroline, una filantropa che vive lì col terzo marito, Lewis, e vari figli e figliastri dei matrimoni precedenti. Di questa famiglia allargata, fa parte anche uno strano giovane, Edgard, che aiuta Lewis a dirigere le attività filantropiche. Il gruppo è attraversato da malumori e odi sotterranei, di cui Miss Marple si accorge ben presto. Durante un tranquillo dopocena, improvvisamente Edgard perde il controllo: pistola in pugno minaccia Lewis e lo costringe a entrare nel suo studio. Il delitto avviene sotto gli occhi terrorizzati di tutti, ma le cose non sono come sembrano. Toccherà a Miss Marple, in attesa dell’arrivo della polizia, capire che quanto accaduto non è ciò che tutti credono di aver visto. Il pubblico è stato distratto da qualcosa che ha permesso all’assassino di agire indisturbato, come a teatro, come in un gioco di prestigio.

21 | 23 febbraio venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IN CO-PRODUZIONE CON CTB

CENTRO TEATRALE BRESCIANO, TEATRO DE GLI INCAMMINATI

Franco Branciaroli

I MISERABILI

di VICTOR HUGO

adattamento teatrale LUCA DONINELLI

regia FRANCO PERÒ

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

“La sfida è portare in scena un romanzo immenso, 1500 pagine che appartengono alla storia non solo della letteratura, ma del genere umano” dice Luca Doninelli, autore dell’adattamento teatrale de I Miserabili, capolavoro di Victor Hugo. Un’opera che parla a ogni epoca, perché tocca grandi temi universali: dignità, dolore, misericordia, giustizia, redenzione. “Un’importante induzione verso questa scelta – spiega il regista – viene dal momento che stiamo vivendo nelle società occidentali, dove si assiste all’inesorabile ampliarsi della forbice fra i ‘molto ricchi’ e i ‘molto poveri’, fra chi è inserito nella società e chi invece ne è ai margini. Victor Hugo continua a stupirci e impressionarci per le assonanze con l’attualità, per la capacità di affrontare temi diversissimi, di mettere assieme momenti alti e momenti bassi. Franco Branciaroli è Jean Valjean e definisce il suo personaggio come uno strano santo, una figura angelico-faustiana. Il ritratto di un’umanità che forse deve ancora venire”.

28 febbraio | 1 marzo venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

MISMAONDA,

CARCANO CENTRO D’ARTE CONTEMPORANEA

Lella Costa

SE NON POSSO BALLARE…

da Il catalogo delle donne valorose di Serena Dandini

scrittura scenica LELLA COSTA, GABRIELE SCOTTI

progetto drammaturgico e regia SERENA SINIGAGLIA

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Donne intraprendenti, controcorrente, spesso perseguitate, a volte incomprese: forti e generose, sempre pronte a lottare per raggiungere traguardi che sembravano inarrivabili, se non addirittura impensabili. Donne valorose che sebbene abbiano segnato la storia, contribuendo all’evoluzione dell’umanità, per uno strano sortilegio raramente vengono ricordate; con difficoltà appaiono nei libri di storia e tanto meno sonori conosciute come maestre e pioniere. Unite da un percorso comune di militanza per l’affermazione del punto di vista femminile, Serena Dandini e Lella Costa si ritrovano a convergere all’interno di un progetto teatrale: alcune delle Valorose ritratte da Serena nel suo libro saranno rigenerate con nuova linfa nella riscrittura scenica e nell’interpretazione di Lella Costa, in un gioco di rimandi, anche scenografici, tra le trame che hanno distinto le loro vite.

6 | 8 marzo venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

LA CONTRADA – TEATRO STABILE DI TRIESTE

Enzo Iacchetti, Pino Quartullo

con Fausto Caroli

HOLLYWOOD BURGER

di ROBERTO CAVOSI

regia PINO QUARTULLO

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

Quanti possono dire di aver raggiunto le mete che si erano prefissati all’inizio della propria vita? Quanti possono essere pienamente soddisfatti per aver realizzato il proprio sogno? In una mensa per artisti negli Studios ad Hollywood, due attori mitomani, assolutamente alla deriva ma tenacemente aggrappati al sogno del cinema, se ne dicono e ne fanno di tutti i colori; si passano e spalmano sui loro hamburger senape, maionese, ketchup, con un fare convulso e ingordo come la loro voglia di far parte, in un modo o nell’altro, della magia di Hollywood. Trattati come inutili ingombri, Leon e Burt non smettono di fare a gara con le loro disgrazie e disavventure. Forse sono anche bravi attori, ma il destino si è accanito contro di loro; sono due tipiche vittime del sistema hollywoodiano; allo stesso tempo così teneri da farci innamorare di loro.

13 | 15 marzo venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

TEATRO STABILE DI VERONA IN CO-PRODUZIONE CON TEATRO DELLA TOSCANA, ESTATE TEATRALE VERONESE

Massimo Venturiello

MISURA PER MISURA

di William Shakespeare

traduzione MASOLINO D’AMICO

regia PAOLO VALERIO

(DUSEprosa – DUSE8blu)

Una commedia cupa e attuale, immersa nell’attrazione del male e nella fascinazione dell’ambiguo. In scena un mondo fuori di sesto, contagiato da un virus segreto che ammalia e ammorba la società e i rapporti. La carne è scoperta, i corpi nascosti ed esibiti con desiderio, come pazienti e modelle. In questo gioco macabro, ogni personaggio segue una sua storia, tra superficialità e ipocrisia. La macchinazione e il travestimento sono i semplici inganni del testo, per raccontare il ‘sacro e il rozzo’ del teatro elisabettiano, che diventano quelli del mondo di oggi, continuamente confusi e sovrapposti ed in questo circolo vizioso, il tempo presente e il tempo passato, forse presenti nel tempo futuro, segnano un mondo immobile, destinato a perdersi e a salvarsi. Questo gioco teatrale fatto di scambi, di piccoli inganni e di una giustizia che alla fine viene plasmata secondo i desideri, diventa gioia di un lieto fine, in un luogo immaginario ma così reale e vicino, dove la forza dell’amore e della bellezza silenziosa forse trionferanno sulla schiavitù della paura e dell’istinto. Per ritornare a sognare, nonostante tutto.

20 | 22 marzo venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

GOLDENART PRODUCTION IN CO-PRODUZIONE CON TEATRO STABILE DEL VENETO – TEATRO STABILE DI BOLZANO

Alessandro Haber, Alvia Reale

con Duccio Camerini

MORTE DI UN COMMESSO VIAGGIATORE

di Arthur Miller

traduzione e adattamento teatrale MASOLINO D’AMICO

regia LEO MUSCATO

(DUSEprosa – DUSE8rosso)

‘Morte di un commesso viaggiatore’ è la storia di un piccolo uomo e del suo sogno più grande di lui. Nella fiaba della farfalla e della formica, le simpatie vanno alla farfalla, benché questa venga sconfitta. E Willy Loman, sconfitto alla fine come la farfalla, non ha pazienza. È nato in un paese giovane e impaziente, forse figlio di immigrati; non ha radici, vuole salire nella scala sociale. Sogna a occhi aperti il successo facile, veloce. È un commesso viaggiatore che si guadagna da vivere con la parlantina, e ha allevato i figli al culto dell’apparenza e della superficialità; a disprezzare il cugino secchione e a puntare tutto sull’effimero; a essere attraenti, popolari, campioni sportivi, ma ha finito per farne dei falliti.

27 | 29 marzo venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

GITIESSE ARTISTI RIUNITI IN CO-PRODUZIONE CON BEST LIVE

Geppy Gleijeses, Marisa Laurito, Benedetto Casillo

con Nunzia Schiano, Salvatore Misticone, Vittorio Ciorcalo, Patrizia Capuano e Gianluca Ferrato

COSÌ PARLÒ BELLAVISTA

dal film e dal romanzo di LUCIANO DE CRESCENZO

adattamento teatrale e regia GEPPY GLEIJESES

(DUSEprosa – DUSE8blu)

In occasione del novantesimo compleanno di Luciano De Crescenzo, Alessandro Siani e Geppy Gleijeses adattano per il teatro il film di culto e il romanzo Così parlò Bellavista. È un omaggio doveroso, ma vivo e teatralissimo all’opera principale di Luciano. Grande affresco corale sugli ‘uomini d’amore’ e ‘gli uomini di libertà’, lo spettacolo tenderà a riproporre le scene più esilaranti del film come il cavalluccio rosso, la lavastoviglie, il banco Lotto, la 500 tappezzata di giornali e naturalmente il mitico contrasto tra il professor Bellavista e il direttore dell’Alfasud Cazzaniga. Ma anche con inserti di grande filosofia di vita di De Crescenzo, che nel cenacolo snocciolerà deliziando i suoi discepoli. Con uno dei più grandi attori napoletani Geppy Gleijeses nel ruolo del professor Bellavista, e tanti altri attori di prestigio, tra cui Marisa Laurito nel ruolo della signora Bellavista e Benedetto Casillo nel ruolo che fu suo nel film.

4 | 5 aprile sabato ore 21, domenica ore 16

IMARTS International Music and Arts

Massimo Lopez, Tullio Solenghi

MASSIMO LOPEZ & TULLIO SOLENGHI SHOW

di Massimo Lopez, Tullio Solenghi

con la JAZZ COMPANY diretta dal M° GABRIELE COMEGLIO

(DUSEinopzione)

Massimo Lopez e Tullio Solenghi tornano insieme sul palco dopo 15 anni come due vecchi amici che si ritrovano, in uno show di cui sono interpreti ed autori, coadiuvati dalla Jazz Company del Maestro Gabriele Comeglio, che esegue dal vivo la partitura musicale. Ne scaturisce una scoppiettante carrellata di voci, imitazioni, scketch, performance musicali, improvvisazioni ed interazioni col pubblico. Tra i vari camei, l’incontro tra papa Bergoglio (Massimo) e papa Ratzinger (Tullio) in un esilarante siparietto di vita domestica e poi i duetti musicali di Gino Paoli e Ornella Vanoni e quello recente di Dean Martin e Frank Sinatra, che ha sbancato la puntata natalizia di ‘Tale e Quale Show’. In quasi due ore di spettacolo, Tullio e Massimo, da vecchie volpi del palcoscenico, si offrono alla platea con l’empatia spassosa ed emozionale del loro inconfondibile marchio di fabbrica. 

DUSElive 2019/2020 – I CONCERTI

1, 2, 3, 7, 14, 21, 28 novembre

5, 12, 20, 21, 22, 26, 29 dicembre

31 dicembre GRAN GALA DI CAPODANNO ore 21.30

3 gennaio 

giovedì, venerdì e sabato ore 21, domenica ore 16

giovedì 26 dicembre ore 17

MORMORA MUSIC

Gianni Morandi

STASERA GIOCO IN CASA – Una vita di canzoni 

‘Stasera gioco in casa – Una vita di canzoni’ è il titolo del nuovo progetto artistico di Gianni Morandi: 16 concerti, un solo palcoscenico, l’abbraccio del suo pubblico con il quale condividere ricordi, emozioni e soprattutto grande musica. Sarà il Teatro Duse di Bologna ad ospitare, dal primo novembre, le 16 serate nelle quali Gianni canterà, in forma acustica, i brani che hanno conquistato intere generazioni, ma racconterà anche i momenti più importanti della sua vita, gli aneddoti, gli incontri, le sfide e i sogni. L’artista, che ha all’attivo 53 milioni di dischi venduti, 4.217 concerti in Italia e 426 all’estero, e che nel 2017 ha inciso il suo quarantesimo album intitolato D’amore d’autore, ha quindi scelto lo storico palcoscenico del Duse per un omaggio personale e speciale al vastissimo pubblico che lo segue e lo ama da sempre. Gianni Morandi sarà mattatore e protagonista anche del gran gala di Capodanno per salutare il 2020 con una serata che si preannuncia già un imperdibile evento nell’evento.

19 | 20 novembre martedì e mercoledì ore 21

IMARTS International Music and Arts

Vinicio Capossela

BALLATE PER UOMINI E BESTIE

Il concerto è l’occasione per presentare le canzoni del nuovo disco Ballate per uomini e bestie. Un’opera di grande forza espressiva che guarda alle pestilenze del nostro presente travolto dalla corruzione del linguaggio, dal neoliberismo, dalla violenza e dal saccheggio della natura. In un’epoca in cui il mondo occidentale sembra affrontare un nuovo medioevo inteso come sfiducia nella cultura e nel sapere e smarrimento del senso del sacro, Capossela sceglie di pubblicare un canzoniere che, evocando un Medioevo fantastico fatto di bestie estinte, creature magiche, cavalieri erranti, fate e santi, mette in mostra le similitudini e il senso di attualità che lo legano profondamente alle cronache di oggi. Il racconto e il canto divengono strumento per tentare un riavvicinamento al sacro e alle bestie, indispensabile punto di accesso al mistero della natura, anche umana. La forma scelta da Capossela per questa sua nuova impresa artistica è quella della ballata, come occasione di pratica metrica e di svincolamento dalla sintesi. Tra i quattordici brani che compongono l’album non mancano canzoni ispirate alla grande letteratura, da testi medievali alle opere di poeti amati come Oscar Wilde e John Keats. In scaletta, oltre ai brani del nuovo album, anche alcuni classici del repertorio di Capossela legati a doppio filo al tema del concerto.

17 dicembre martedì ore 21

REVERSE AGENCY

Harlem Gospel Choir

HARLEM GOSPEL CHOIR

WITH A SPECIAL TRIBUTE TO PRINCE

Gli Harlem Gospel Choir sono il più famoso coro gospel d’America, nonché uno dei più longevi. Dopo il grande successo delle scorse stagioni, gli Harlem Gospel Choir tornano a Bologna con un tributo a Prince, re indiscusso della pop music. Dal 1986, Allen Bailey e il suo coro, formato dalle più belle voci di Harlem e New York City, gira il mondo condividendo la gioia nella fede e raccogliendo fondi da devolvere in opere di bene. In oltre 25 anni di grandiosa carriera gli Harlem Gospel Choir hanno sempre cercato di oltrepassare le barriere culturali, unendo nazioni e persone. Il Coro ha cantato per la Famiglia Reale, il presidente Obama, Nelson Mandela, Elton John, due Papi e all’International broadcast memorial per Michael Jackson. Vere e proprie superstars hanno voluto inoltre collaborare con loro: da Andre Rieu a Diana Ross, da Bono ai The ChieNains, da Lyle LoveP a Josh Groban ai Gorillaz. Gli Harlem Gospel Choir incarnano lo spirito del Vangelo americano. Le loro armoniose canzoni d’amore, di speranza e d’ispirazione toccheranno in profondità l’anima degli spettatori.

Abbonamento Teatro Duse di Bologna

prosa 2019/2020 

Le tipologie di abbonamento proposte per la Stagione di Prosa sono 3: 

  • DUSEprosa – 16 spettacoli
  • DUSE8rosso – 8 spettacoli
  • DUSE8blu – 8 spettacoli
  • In opzione – 2 spettacoli fuori abbonamento 

Al momento della sottoscrizione è possibile arricchire il proprio abbonamento con uno o più spettacoli in opzione ad un prezzo esclusivo riservato agli abbonati. La scelta è tra ‘Non ci resta che ridere’ de I Legnanesi e ‘Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show’. Anche per la nuova stagione è possibile procedere alla prelazione del proprio abbonamento saldando l’intero importo, o versando solo una caparra di 50 euro per completare il pagamento dal 2 al 7 settembre. Questa possibilità è valida anche per chi sottoscrive un nuovo abbonamento.

Tutte le date della campagna abbonamenti:

  • Da lunedì 20 a lunedì 27 maggio: rinnovo abbonamenti DUSEprosa, DUSE8rosso e DUSE8blu della Stagione 2018/2019. 
  • Martedì 28 maggio: cambio turno e cambio posto, dopo aver comunicato alla biglietteria la propria esigenza entro lunedì 27 maggio.
  • Da mercoledì 29 maggio: vendita nuovi abbonamenti DUSEprosa, DUSE8rosso e DUSE8blu.

BIGLIETTERIA E INFORMAZIONI 

Biglietteria Teatro Duse | Via Cartoleria, 42 Bologna | 051 231836 biglietteria@teatrodusebologna.it

Da 20 maggio al 22 giugno e dal 2 settembre: dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19.

Come arrivare al Teatro Duse di Bologna

Spettacoli Teatro Duse Bologna


Anna Bruno[ratemypost-result][ratemypost]

Se vuoi rimanere aggiornato su Teatro Duse Bologna: la stagione teatrale 2019/2020 iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*