“Chi muore si rivede” al Teatro Sette di Roma

“Chi muore si rivede”, per la regia di Nicola Pistoia, dal 2 al 7 ottobre al Teatro 7, Roma.

Chi muore si rivedeChi muore si rivede

Francesco Stella e Giuliano Calandra in CHI MUORE SI RIVEDE di Francesco Stella al Teatro 7 di Roma.

Sinossi
Due colleghi, ma anche due amici e, soprattutto, due impresari di onoranze funebri.
Due “becchini”, insomma.

Sperduti in mezzo alla campagna, senza benzina e con un funerale che attende solo loro, Daniele e Nicola competono a raffiche di battute in un duello comico continuo e senza tregua in cui alla risata s’alterna, improvvisa, l’emozione.
Proprio come ad una salita segue una discesa: una competizione epica come tra Coppi e Bartali, amici ed eterni rivali.
Come tra la Vita e la Morte, con cui i due si confrontano ogni giorno.

scene: Francesco Montanaro
disegno luci: David Barittoni
foto: Giulio Mentuccia
regia: Nicola Pistoia

In programma al Teatro Sette di Roma

date: dal 2 al 7 ottobre 2018
orari: dal martedì al sabato ore 21.00; domenica ore 18.00
biglietti: € 24,00 – € 18,00 (prevendita compresa)
biglietteria: via Benevento, 23; dal lunedì al sabato ore 10.30-21.00; domenica ore 16.00-18.00
info e prenotazioni: tel. 06.442.36.382 – botteghino@teatro7.it

from to
Teatro Teatro Roma
Teatro 7 Via Benevento 23, 00161 Roma Mappa
Raffaele Giuseppe Lopardo

Se vuoi rimanere aggiornato su “Chi muore si rivede” al Teatro Sette di Roma iscriviti alla nostra newsletter settimanale


2 Commenti

  1. Molto godibile il lavoro CHI MUORE SI RIVEDE cui abbiamo assistito domenica 7 ottobre al ultima replica pomeridiana a teatro completamente esaurito! Storia che nasce in chiave umoristica con due interpreti giovani ma con una recitazione empatica e senza vuoti di effetto. Francesco Stella (autore anche dell originale testo) e Giuliano Calandra. La storia, sotto la navigata regia di Nicola Pistoia, si dipana con battute esilaranti e crea una situazione che rapidamente ci porta alla conclusione, spiazzante ed inattesa, che lega tutto il lavoro con un sottile fil rouge che spiega il titolo e unisce la sala in un applauso corale e convinto. Estremamente gradevole per noi del pubblico la consapevolezza che questi due giovani attori (Stella particolarmente a tutto tondo) con classe e consumata verve propongano un teatro fresco e poliedrico che sa coinvolgere tutti! Bravi! Al prossimo successo in mezzo a tanta mediocritas!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*