The Kolors, recensione di Out

Ecco un bel disco che non lascia spazio a pregiudizi, solo musica, delle migliori: parliamo di “Out”, il nuov album dei The Kolors.

The KolorsFacendo una panoramica sulle 12 tracce cantate in inglese e composte dalla stessa band balza subito all’orecchio dell’ascoltatore  un pregio ottimo: tutte le canzoni sono orecchiabili e adatte ad ogni palato.Già disco d’oro l’album è

Facendo una panoramica sulle 12 tracce cantate in inglese e composte dalla stessa band balza subito all’orecchio dell’ascoltatore  un pregio ottimo: tutte le canzoni sono orecchiabili e adatte ad ogni palato.
Già disco d’oro l’album è squisitamente musicale, lo dimostra fin da subito la prima traccia del cd dal titolo “Out” fiumi di note provenienti da tastiere di ogni risma. Sintetizzatori a go-go.
Ma continuando con “Everytime”, “Why Don’t You Love Me”? e “Me Minus You” ci accorgiamo che c’è molto di più in questo lavoro,  ed è l’equilibrio perfettamente in sintonia tra creatività e ritmo, un mix perfetto di musica pop, rock ed elettronica, quella fatta bene, quella di una band che risulta essere ricca di ottimi musicisti. “Why” è effervescente,come i classici pezzi da party, proprio da ballare, che davvero suscitano in noi inconsapevoli movimenti a tempo del corpo, ma quasi tutti i brani di questo album fanno lo stesso effetto…
“Me Minus You” invece delicata quanto basta.  
Poi ci sono brani come “Realize” in duetto con Elisa che ha curato anche la supervisione artistica dell’intero disco, che ti travolge in un vortice di sensazioni ribelli.
Un marasma di tastiere e sintetizzatori sbarazzini li troviamo anche nei pezzi “I’m Sorry”, “Great Escape” e “Love”
E se dovessimo spendere qualche parola sui singoli musicisti? Che dire… il cantante Stash è un ottimo chitarrista,  un ottimo cantante, un musicista poliedrico, bravo anche con gli effetti e tutto sommato dotato di una propria originalità ma si rivela eccellente anche quando si posiziona davanti al pianoforte, nonché quando è alle prese con i sintetizzatori; un cantante dalla voce particolarissima, e ci permettiamo di dire internazionale.
Ottimi anche Alex Fiordispino batterista del gruppo e Daniele Mona che si occupa di percussioni e synth.
Il cd sta terminando, “Twisting” e “It’s Up to You” chiudono questo lavoro, queste due tracce  grazie solo a una batteria , una linea di basso staccata e sintetica e accenni di synth, portano la voce di Stash a sostenere la melodia in modo perfetto.
Come vi siete accorti non abbiamo voluto subito parlare che i The Kolors sono la rivelazione musicale del talent show Amici proprio perchè volevamo che assaporaste il tutto senza condannare (come si usa fare di questi tempi) il talento di questi ragazzi, e di altri artisti che escono da queste trasmissioni, con gli stereotipi << e’ un talent, che vuoi che ne sappiano di musica, non andranno da nessuna parte,sono ragazzi acerbi al loro esordio e provenienti sempre da un programma televisivo etc etc>>.
Detto questo, tirando le somme “Out” si ascolta tutto d’un fiato, si rimette play e si continua ad ascoltare all’infinito.
Auguriamo ai The Kolors un lungo successo musicale e perchè no? stasera di vincere l’edizione di Amici 2015!

Punteggio: 9


Alba Cosentino[ratemypost-result][ratemypost]

Se vuoi rimanere aggiornato su The Kolors, recensione di Out iscriviti alla nostra newsletter settimanale