“TERZA STAGIONE” DI EMIS KILLA, la recensione

Una volta eravamo abituati a sentir dire dai nostri nonni il proverbio “Non esistono più le mezze stagioni” e oggi più che mai con i cambiamenti climatici non possiamo che dargli ragione.

EMIS KILLAEMIS KILLA

Anche questo nuovo capitolo di Emis Killa non si può definire una mezza stagione, ma piuttosto un album che racchiude un vero e proprio nuovo capitolo artistico che scorre molto velocemente senza mai annoiare nelle sue 17 tracce.

L’album si apre con “Dal Basso” dove Emis fa il punto della situazione sulla sua vita rassicurando tutti che nonostante la popolarità e il successo è rimasto quello di sempre come canta in questi versi “son sempre lo stesso/solo che adesso c’è il sole e io spero non piova”, perché purtroppo “è sempre la solita storia/da pezzente ti vogliono bene ma se fai successo la gente ti odia”.

L’ uscita dell’album è stato preceduto anche dal singolo estivo “Cult” che ha rappresentato una sorta di manifesto nostalgico che passa in rassegna gli idoli delle generazioni appartenenti agli anni 80’-90’, la riuscita “Non era vero” riesce a smascherare le tante bugie che vengono raccontate dalle persone per apparire ciò che non sono e “Quello di prima” si ricollega al tema della prima traccia ed è una sorta di dichiarazione d’intenti da parte di Emis Killa a tutti gli ex fan, alcuni diventati hater nel frattempo, che non condividono la sua svolta musicale che intrapresa grazie al successo ma Emis non ci sta ed è normale che voglia musicalmente guardare avanti rimanendo però sempre sé stesso.

Eppure anche i fan di vecchia data dovrebbero rimanere soddisfatti da questo disco perché il rap grezzo e duro senza censure, che l’ ha contraddistinto, qui non manca: “Su di lei” ne è l’esempio lampante infatti si tratta di una canzone ad alto tasso erotico, un vero e proprio “Cinquanta sfumature di Killa” che ricorda la sua vecchia canzone “Sex Line”.

Terza Stagione contiene anche l’attuale singolo in rotazione radiofonica “Parigi” il cui inciso è cantato da Neffa.
Una canzone che seppur rap sa essere al contempo molto elegante grazie anche ai francesismi contenuti nel testo.

Nell’album ci sono anche altre collaborazioni con Jake La Furia, Jiso & Jamil. Coez nella canzone d’amore “All’alba prima delle 6” e con Fabri Fibra nella sperimentale “Sopravissuto”.

Secondo me le canzoni più belle sono “Italian Dream” che con i cori di sottofondo potrebbe benissimo diventare uno slogan per le nuove generazioni di giovani, “Jack” che apparentemente sembra parlare di un amico in carne ed ossa in realtà si tratta del famoso alcolico Jack Daniel e dell’alcolismo dove Killa dà il meglio di sé anche come interprete specialmente quando canta gli ultimi versi fingendosi ubriaco, la canzone infatti seppur apparentemente ironica è in realtà una denuncia contro l’alcolismo.

Nelle ultime settimane ha fatto molto clamore il brano “3 messaggi in segreteria” dove il cantante si finge uno stalker della sua ragazza, disposto a tutto pur di non perderla anche di ucciderla.

Moltissime sono state le critiche mosse contro Emis, reo di essere un violento per le frasi cantate, quando in realtà la canzone non è altro che una vera e propria denuncia contro il femminicidio.
Fa quasi preoccupare di quanto la mentalità italiana sia rimasta così retrograda nel tempo quando invece già agli inizi degli anni 2000 un tema del genere fu affrontato brillantemente da Eminem nel suo capolavoro “Stan” assieme alla cantante Dido che fece successo in tutto il mondo senza destare così perplessità.

Terza Stagione è così un disco diretto e talvolta anche rozzo e duro, basta prendere la copertina del disco per notare l’etichetta di avvertenza per i molteplici contenuti espliciti.
Eppure l’album già dopo la prima settimana di uscita ha conquistato la vetta della classifica FIMI dei dischi più venduti, vendendo già oltre 10.000 copie in pochi giorni dimostrando il gradimento del pubblico sempre più numeroso agli eventi firma copie del rapper in giro per l’ Italia.

VOTO: 9

RECENSIONE DI : MARCO SOBANI

(Visite 1 times, 1 visits today)

Se vuoi rimanere aggiornato su “TERZA STAGIONE” DI EMIS KILLA, la recensione iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*