Samuele Borsò : “L’ordine delle cose” (la recensione)

“L’ordine delle cose” è il primo Ep di Samuele Borsò, cantautore di Pontedera, dotato di straordinario talento.

SAMUELE BORSO'SAMUELE BORSO'

Questo lavoro discografico viene affiancato da due tracce in inglese ” Try to understand “ e “Alone”, pezzi raffinati, che strizzano l’occhio ad un pop decisamente acustico e accattivante.
Lo dico subito: la filosofia che pervade tutte le sei tracce è quella di puntare alla qualità del prodotto e alla sua cura strumentale e lirica invece di voler far passare i brani in radio 24 ore su 24.
Subito ti accorgi che Samuele ha una marcia in più. Le sue canzoni sono intelligenti, i testi a volte pungenti, “Affogami” o ” L’ordine delle cose” sporcati da una chitarra raffinata e poggiati sulla voce multiforme di Samuele ne sono una conferma.
“Sandro” è un brano che parte lento, delicato, eppure riesce a coinvolgere l’ascoltatore in maniera netta.
Di Samuele Borsò da pochi giorni è uscito anche il singolo in rotazione radiofonica “Bella estate” delizioso brano creato con atmosfere più semplici, con un testo quasi spensierato e condito da un ottimo arrangiamento.

Samuele Borsò è un talento da tenere d’occhio, con un’ottima preparazione, suona la chitarra in maniera eccellente, ha una voce calda e particolare che colpisce. Insomma, un ragazzo con una chitarra in mano capace di fare buona musica, e con “L’ordine delle cose” lo ha dimostrato ampiamente, io vi ho avvisati!


Alba Cosentino[ratemypost-result][ratemypost]
Bella estate

Se vuoi rimanere aggiornato su Samuele Borsò : “L’ordine delle cose” (la recensione) iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*