Saèl, recensione di In Country Sleep

Se è vero che Le nostre emozioni hanno una funzione determinante sull’attivazione del cuore, questo mini cd di Saèl dal titolo “In Country Sleep” ne è l’esempio.

SaèlSaèl ci regala un mini album di sei tracce, sei collages di versi tratti dalle più belle poesie di Dylan Thomas.Purtroppo però, nella nostra epoca, sembra che molti abbiano dimenticato questo stretto rapporto tra musica

Saèl ci regala un mini album di sei tracce, sei collages di versi tratti dalle più belle poesie di Dylan Thomas.
Purtroppo però, nella nostra epoca, sembra che molti abbiano dimenticato questo stretto rapporto tra musica e spiritualità, questo mini disco è un  tributo alla poesia di Dylan Thomas, il poeta gallese scomparso nel 1953 a solo 39 anni ma conosciuto per le sue opere in tutto il mondo.
“In Country Sleep” si puo definire come un romanzo diviso in capitoli, e lungo l’ascolto di queste perle in musica si fa strada l’incedere sinuoso e quasi angelico degli strumenti usati per catturare l’ascoltatore rendendolo quasi schiavo di ascoltare la raffinata voce di questo artista.
Percussioni tribali, archi, e quant’altro rendono affascinante questo tessuto sonoro che si adagia sulla voce quasi teatrale di Saèl, splendida la traccia “Poem in October”, sopraffina la musica di “Into Her Lying Down Head” dove si assapora il gusto dela gelosia di deliri mitologici.
Ma sono tutti pezzi di grande valore: “Elegy” per fare un esempio è un pezzo concepito dove ci si deve lasciare andare oltre le note, oltre quelle frasi dette, dichiarate, come un coltello caldo che accarezza il burro, questo mini ep profuma di alta classe, di colori di emozioni, proprio come faceva Dylan Thomas, Saèl con questo mini ep dal titolo “In Country Sleep” riesce ad ipnotizzare chi lo ascolta. Meraviglioso… 

Punteggio: 7

Pubblicato in

Se vuoi rimanere aggiornato su Saèl, recensione di In Country Sleep iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Informazioni su Anna Bruno 354 Articoli
Anna Bruno è giornalista professionista, muove i suoi primi passi come cronista a “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), tra i quali “Viaggi e Sapori” e “Gente Viaggi” e i maggiori magazine di tecnologie. Nel 1998 fonda l’agenzia di comunicazione e Digital PR “FullPress Agency” che edita, dal 2001, FullTravel.it, magazine di viaggi online e VerdeGusto, magazine di food & wine, dei quali è direttore responsabile. Appassionata di fuori rotta, spesso si perde in nuovi sentieri, tutti da esplorare. È autrice di “Chat” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Viaggiare con Internet” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Comunità Virtuali” (Jackson Libri, Milano, 2002), “Digital Travel” (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020),  “Digital Food”  (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020) e dell’e-book “Come scrivere comunicati efficaci”. È delegata dei giornalisti di viaggio delle Marche-Umbria-SUD del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica). Digital Travel & Food Specialist, relatrice in eventi del settore turistico e food e docente in corsi di formazione.