Miguel Bosè, recensione di Cardio

Un gradito ritorno quello di Miguel Bosè con il suo nuovo, frizzante e accattivante disco dal titolo Cardio.

Miguel BosèMiguel Bosè con questo album sforna tredici tracce variegate, divertenti e che mettono di buon umore. Per te è il primo brano del disco, l’unico in lingua italiana; la traccia, che ha fatto da apripista

Miguel Bosè con questo album sforna tredici tracce variegate, divertenti e che mettono di buon umore. Per te è il primo brano del disco, l’unico in lingua italiana; la traccia, che ha fatto da apripista all’intero lavoro, è una canzone che profuma di ritmo caliente e sensuale, il testo si rivela molto delicato e sentimentale, con una linea melodica poco ritmata e con la voce di Bosè seducente al massimo.
Estuve a punto de… e Júrame, seconda e terza traccia, evidenziano invece tutta la creatività di questo cantante spagnolo, il ritmo è molto frizzante e spensierato.
Il disco scorre con il pezzo Dame argumentos, questa traccia suona piacevole, musicalmente è ben congeniata, synth, chitarre elettriche e batteria viaggiano a gogò, dove l’artista è capace di soddisfare esigenze pop mischiandole a ritmi latini.
Il cd continua a scorrere con la versione spagnola del pezzo Per te che cede il passo alla canzone A mí me da igual, brano che spazia tra un leggero reggae ed il pop.
Cardio, settima traccia, è un pezzo che entra dentro la testa facilmente, una volta ascoltato non si riesce a fare a meno di canticchiarlo, sarà perchè è eccessivamente ritmato e conserva anche un potenziale per un tormentone estivo.
Sulla stessa base della canzone Cardio viaggiano i brani El Perro, Hay, La Verdad e Ayurvédico: questi pezzi mettono di buon umore l’ascoltatore, qui la concentrazione sul suono c’è tutta, i brani in questione richiamano esplicitamente la tradizione del cantante, ma senza rimanere ingabbiato nella casella etnica, anzi gli stili nelle tracce si alternano tra pop, rock, reggae e piccole decorazioni elettroniche in stile anni 80.
Y poco más penultimo pezzo del disco sperimenta quel patrimonio musicale antico restituendolo ai giorni nostri vivo e pulsante; il brano è carico di colori e sensazioni e l’autore Bosè, essendo un eccezionale interprete, inserisce sapori pop, divertenti e ballabili ma che nello stesso tempo contengono testi molto sensibili ed emotivi.
Eso no ultima canzone dell’album, si addentra in maniera elettronica nella sua forma più stravagante in una canzone romantica dove si contrappongono chitarre, basso e batteria con arrangiamenti sobri ed essenziali.
Il disco giunge al termine, esce dal lettore, Stop.
In Cardio per farla breve si evince in maniera netta e decisa la voglia mai sopita di Miguel Bosè di fare musica alla sua maniera, e quindi nulla da eccepire.

Etichetta: Carosello Records 

Punteggio: 7

Se vuoi rimanere aggiornato su Miguel Bosè, recensione di Cardio iscriviti alla nostra newsletter settimanale