Maurizio Martini, recensione di “Soli”

“Soli” è il titolo scelto da Maurizio Martini per il suo nuovo album. Scopriamone di più tramite la recensione di FullSong.it

Soli di Maurizio MartiniEsordio o meno quello di Maurizio Martini ha davvero il fascino di un viaggio nel tempo passato. Eh si perché dai suoni alla forma canzone, non si fa altro che respirare aria di quella musica

Esordio o meno quello di Maurizio Martini ha davvero il fascino di un viaggio nel tempo passato.
Eh si perché dai suoni alla forma canzone, non si fa altro che respirare aria di quella musica leggera italiana che andava di moda nelle balere di un’Italia anni ’80.
Poi, dalle note di stampa e spulciando in rete, si capisce che non è solo una semplice sensazione piuttosto è davvero un lavoro di quegli anni che viene messo in scena, rivisto e corretto (forse), soltanto oggi.
Avanti così allora.
Difficile da giudicare e da capire per noi che siamo abituati a suoni perfetti dalle dinamiche assurde. Un disco che valuteremo di cattiva fattura se facessimo l’errore di non adoperare quel metro di misura. Dovremmo dunque riportare l’ascolto e le abitudini a quel tempo, cosa impossibile. Almeno per me. Sono 10 le tracce inediti di bel pop d’autore anni ’80, con arie che riportano molto alla canzone di Alan Sorrenti e compagnia cantando.
In radio il singolo “Precipitando” forse l’unico brano che si lascia ben ricordare di questo disco, con un inciso che strizza l’occhio alle novità di allora.
Il resto del disco scivola all’ascolto e non riesce a colpire più di tanto ma credo che la maggior parte del problema sia una difficile interazione culturale con quello che siamo oggi rispetto a quello che eravamo ieri.
Forse il momento più difficile è rappresentato dal brano “Bolle Blu” che per quanto sia accattivante e ballerino nel suo inciso e nelle sue bellissime voci corali, si pregia di un audio davvero difficile da contestualizzare ad oggi.
Insomma un disco che si deve saper ascoltare onde evitare di archiviarlo definitivamente.

Punteggio: 6

Se vuoi rimanere aggiornato su Maurizio Martini, recensione di “Soli” iscriviti alla nostra newsletter settimanale