Loredana Errore, recensione di Pioggia di comete

Pioggia di comete è il nuovo progetto discografico di Loredana Errore. Titolo che già esplicita in modo inequivocabile una passione per un sogno d’amore. I testi di tutte le dieci tracce sono fluidi, e se qualcuno volesse sbrigarsela con un paio di luoghi comuni, stavolta con Pioggia di comete non si può fare. 

Loredana Errore“Più o meno mai” è un ottimo biglietto da visita come primo pezzo del disco, poggiato in maniera impeccabile sopra il timbro particolare dell’Errore.Non di meno è il brano “Ti sposerò”, scritto da Checco Silvestre dei

“Più o meno mai” è un ottimo biglietto da visita come primo pezzo del disco, poggiato in maniera impeccabile sopra il timbro particolare dell’Errore.
Non di meno è il brano “Ti sposerò”, scritto da Checco Silvestre dei Modà : pop/rock allo stato puro in cui a fare da padrone è una chitarra elettrica, questo è quello che riguarda il livello strumentale, mentre, per ciò che concerne quello vocale troviamo Loredana Errore abilissima nel destreggiarsi tra falsetti e toni semi gravi, quelli che più la contraddistinguono.
Le partecipazioni al cd sono tante, da Diego Calvetti che ha prodotto artisticamente il disco a Irene Fornaciari. Ma ad onor del vero in ogni singolo brano dell’album c’è almeno un guizzo, un qualcosa che attira l’attenzione dell’ascoltatore.
Moderna e antica al tempo stesso è la traccia “Una pioggia di comete“, brano con quel certo saporino pop che con le corde vocali dell’artista si trasforma in una spezia insostituibile.
Tra una cantata che pulsa come un cuore rivelatore e un’autoironia quasi sperimentale scorrono anche le tracce “Innamorata”, “L’uomo e la bestia” e “Folle stronza”, dove la solarità e la follia artistica dell’Errore che le si legge negli occhi dal vivo, si ritrova in modo straordinario nelle sue parole, nelle emozioni che trasmette.
“Santa Domenica”, “Stringimi forte” e “Ruggine” hanno qualcosa in comune; la passione, l’amore che esplode con tutta la sua virulenza, gli stati d’animo che cambiano repentinamente come il loro sound aggressivo ma nel contempo delicato, batteria, basso chitarre che furiosi cedono il passo alla voce dell’artista ritornando garbati nella musica. Chiude l’album il pezzo “Volo insoluto”, qui a parte una bella melodia il cambio di tonalità alla fine di ogni ritornello cattura. 
Pioggia di comete è il frutto della passione, e che, dal punto di vista dei testi mostra con chiarezza la crescita artistica di una ragazza che ha ancora un sacco di cose da dire, e noi saremo qui ad ascoltarla.

Punteggio: 8


Anna Bruno

Se vuoi rimanere aggiornato su Loredana Errore, recensione di Pioggia di comete iscriviti alla nostra newsletter settimanale