Katy Perry, recensione di Teenage Dream

Un luna park di suoni, questo è il nuovo album di Katy Perry dal titolo Teenage Dream. Una giostra dove entri per divertirti, spendi soldi e torni a casa senza aver vinto nulla.

All’insegna della dance-music, o per meglio dire dell’elettro-pop, fioccano i ritmi del primo pezzo dal titolo Teenage Dream che regala il nome all’intero lavoro. Il brano è giocoso, allegro, frizzante ma ripetitivo.Last Friday Night –

Un luna park di suoni, questo è il nuovo album di Katy Perry dal titolo Teenage Dream. Una giostra dove entri per divertirti, spendi soldi e torni a casa senza aver vinto nulla.

All’insegna della dance-music, o per meglio dire dell’elettro-pop, fioccano i ritmi del primo pezzo dal titolo Teenage Dream che regala il nome all’intero lavoro. Il brano è giocoso, allegro, frizzante ma ripetitivo.
Last Friday Night – secondo pezzo del cd – scorre bene, le sonorità pop si fondono perfettamente con l’elettronica, tastiere accellerate e ballate intense.
California Gurls è la canzone che ha fatto da apripista all’intero disco, nella quale la bambolona-pin-up Katy Perry duetta con Snoop Dogg; il brano ha percussioni e synth troppo marcati, è vero le sonorità ci sono tutte, pop, dance, disco, elettronica, ma ogni traccia è uguale all’altra.
Firework, Peacock, Who Am I Living for? e The One That Got sono tutti pezzi composti da un gradevole electro-pop-dance da ottime linee di basso elettronico, da arpeggi sintetizzati, che sfociano in un ballabilissimo ritornello, e poi?
E poi si va avanti sulla stessa solfa, voce modulata da effetti speciali, canzoni orecchiabili ma monotoni e poco originali.
Ma l’album per dovere bisogna ascoltarlo tutto, anche se vien voglia di fare “zapping” con il nostro Ipod. E così ci ritroviamo a sentire l’ottava canzone dal titolo E.T. … sappiamo bene già dove ci porterà questo brano: a ringraziare Dio che il disco sta volgendo al termine. 
Avete mai provato per fare un esempio a descrivere un piatto di pasta al sugo?, gli ingredienti per quanto potete aver fantasia per aggiungere qualcosa di speciale sarà sempre pasta al sugo!
Ma proseguiamo con Circle the Drain e Pearl due eccellenti fotocopie dei brani precedenti.
Hummingbird Heartbeat e Not Like the Movies undicesima e dodicesima traccia chiudono l’album, qui troviamo qualche banale aggiunta di effetti vari, dove la voce di Katy Perry finalmente riesce ad emergere con più personalità.
Stop.
Diciamolo pure, Teenage dream  è un surrogato commerciale, decisamente deludente. Un’ultima cosa la scriviamo in onore della copertina del disco: Teenage dream si scioglierà appunto come zucchero filato…

Punteggio: 5


Alba Cosentino

Se vuoi rimanere aggiornato su Katy Perry, recensione di Teenage Dream iscriviti alla nostra newsletter settimanale