IRA GREEN: l’esordio è già successo

Ce la ricordiamo nell’edizione di The Voice of Italy del 2015 quando sbalordì la giuria con un rock che ha fatto storia.

IRA GREENIRA GREEN

Contro la musica pettinata del grande pop commerciale eccola, giovane napoletana, Ira Green che sbaraglia le aspettative e soprattutto lo fa con grandissimo mestiere e talento.
Esce in questi giorni e per un mese sarà in esclusiva solo dal sito ufficiale della rocker  e poi nei tradizionali canali di vendita digitali e fisici. Il disco d’esordio atteso da più parti si intitola “RE(be)LIGION”, pubblicato da 69Records e promosso da Sonyca.

Come raccontarlo? Semplicemente rock, con quel gusto fortissimo di metal che oggi va per la maggiore, dalle rivoluzioni del buon vecchio Vasco e dei nonni sempre giovani Pooh ai rimandi di categoria classici e storici di tutto il mondo.
Sa di America quando le costruzioni di chitarra e di drumming puntano il dito ad un crossover come si deve ma sa anche molto di Italia quando i toni si fanno meno compressi e tra registrazioni e un certo inglese si sfiorano strutture più armoniose e decisamente più “pop” (con le dovute distanze, sia chiaro).

Beh dunque mettete a confronto lo stesso disco quando suona la title track o la bellissima “Fall asleep” e poi diteci che ne viene fuori all’ascolto.
La notte e il giorno che danzano assieme e lo fanno con romanticismo ed energia. Ira Green avrà deluso o sorpreso i migliaia di fan che aspettavano questo disco da almeno un anno? Andremo a controllare i feedback e la rete.
A noi questo disco è piaciuto, bandiera e celebrazione di un talento che aveva da dire tante di quelle cose e che, per fortuna, non ha perso occasione e motivazione. Questa è la religione di vita di Ira Green.

(Visite 1 times, 1 visits today)

Se vuoi rimanere aggiornato su IRA GREEN: l’esordio è già successo iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*