Gionata, “Daytona”

Le dodici tracce di “Daytona” sono delle piccole perle, un mix perfetto di pop ed elettronica, impegnato e molto profondo. Insomma, la strada imboccata è quella giusta.

Daytona” è il suo nuovo album, e questo talento si chiama Gionata.Nasce artisticamente nel 2001, con il disco “Mi Sono Acceso”, e dobbiamo dire che non solo lui si è acceso. Infatti con questo nuovo

Daytona” è il suo nuovo album, e questo talento si chiama Gionata.Nasce artisticamente nel 2001, con il disco “Mi Sono Acceso”, e dobbiamo dire che non solo lui si è acceso. Infatti con questo nuovo lavoro accende egregiamente anche l’ascoltatore. Il disco si apre con “Che Cosa Ci Fai A Daytona?”, dominata dalla potente voce e dai suoni elettronici che descrivono bene l’idea musicale dell’intero lavoro.A seguire arrivano due brani veloci e potenti, “A-A-A-Aermacchi” e “Hamburgher Dai Pagliacci”, dove le capacità vocali di Gionata emergono in modo sorprendente.Si è quasi obbligati per la bellezza dei pezzi a seguire tutto il Cd.
In tutti i brani fanno da guida gli effetti di tastiere e batteria quasi ossessivi, dove l’aria si riempie di atmosfere pop davvero perfette. Tutto l’album è ispirato da una serie di foto scattate dal padre di Gionata, pilota di moto negli anni settanta.
Resta da dire che tutte le dodici tracce di “Daytona” sono delle piccole perle, un mix perfetto di pop ed elettronica, impegnato e molto profondo. Insomma, la strada imboccata è quella giusta!
Bravo. 

Punteggio: 7


Alba Cosentino[ratemypost-result][ratemypost]

Se vuoi rimanere aggiornato su Gionata, “Daytona” iscriviti alla nostra newsletter settimanale