COLLETTIVO GINSBERG: il nuovo disco è “Tropico”

Sinceramente non conoscevo questa realtà. Sotto consiglio attento di Sfera Cubica mi arriva tra le mani il bel disco di un progetto che dal nome mi conquista senza troppo sforzo: Collettivo Ginsberg.

TROPICO ALBUMTROPICO ALBUM

E da qui si aprono scenari importanti di letteratura che francamente è impossibile non aver conosciuto, anche solo sentito nominare. Siamo nel braccio della totale natura bohémien, dello spirito umano che qui si traduce con un disco verace, analogico (perché analogica è la produzione), dal perfetto carattere live e low-fi senza però tralasciare la cura del suono (per quanto possibile), degli arrangiamenti e delle esecuzioni.

In merito alla scrittura, “Tropico” è un lavoro eterogeneo che fa mostra di bella musica italiana sotto sfumature jazz e swing piuttosto che andature Mambo e timidi colori indie nostrani. Momenti noir per esempio quando suona “La strada dei mulini a vento” e andamenti pop / rock di anni ’60 quando suona “L’estate di San Martino” oppure quando ascolto “Visioni a colazione” come non trovarsi teletrasportati in quelle liriche che ricordo inchiodate su pellicole “antiche”, un bel film con Johnny Dorelli o mille altre cose del genere. Insomma “Tropico” è un disco che non immaginavo, che ha poco a che fare con l’immagine di copertina che mostra un gorilla sgargiante in mille colori accesi per mano del pittore Domenico Demattia, e che in fin dei conti da un parte sembra rovistare tra mille cose per cercare la sua personalità e dall’altra sembra avere l’equilibrio e la maturità giusta per permettersi il lusso di fare della musica quello che vuole. Un disco che sicuramente vi consiglio.

Recensione di : Luca Marsi

(Visite 1 times, 1 visits today)

Se vuoi rimanere aggiornato su COLLETTIVO GINSBERG: il nuovo disco è “Tropico” iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*