Chiara Dello Iacovo, recensione di “Appena sveglia”

Allegro, frizzante, ironico, stralunato, acuto, questa è l’inarrestabile corsa all’ascolto del nuovo album di Chiara Dello Iacovo dal titolo “Appena sveglia”.

Chiara-DelloIacovoSi evince subito dalle prime tracce ” Introverso“, “Vento” e “La mia città” che le canzoni sono orecchiabili con testi originali e pregni di significato.L’album, prodotto da Davide Maggioni, si compone di dieci tracce.Il Cd prosegue

Si evince subito dalle prime tracce ” Introverso“, “Vento” e “La mia città” che le canzoni sono orecchiabili con testi originali e pregni di significato.
L’album, prodotto da Davide Maggioni, si compone di dieci tracce.
Il Cd prosegue con “Donna”, canzone che delinea uno stile particolare.  E’ la volta di “Scatola Di Sole“, una canzone davvero incantevole, che ha un’architettura musicale particolarissima.
A tenere insieme questo gran bel disco, la voce inconfondibile dell’artista. 
“Soldatino”, “1° Maggio” e “Genova“contribuiscono ad un artigianato musicale moderno e di gran classe, senza arzigogoli inutili.
Un pezzo acchiappa orecchie è “Il signor buio”; Chiara Dello Iacovo, in parte, si mette a nudo, specchiandosi quasi nelle proprie sensazioni e le rielabora per riproporle a chi ascolta. 
“La Rivolta Dei Numeri”, ultimo brano dell’album,  ha il passo e la durata efficace della hit radiofonica, al bel lavoro sui testi si aggiungono gli arrangiamenti, di ottimo livello. 
“Appena sveglia” è una panoramica sul mondo di Chiara, un sunto di quello che i suoi sensi percepiscono, In questo disco, si canta, si riflette, ci si commuove, e ci si bacia.

Punteggio: 8

Pubblicato in

Se vuoi rimanere aggiornato su Chiara Dello Iacovo, recensione di “Appena sveglia” iscriviti alla nostra newsletter settimanale