Alessandra Amoroso: recensione di Stupida

Prima di recensire il primo mini disco di Alessandra Amoroso dal titolo Stupida, doveroso fare una premessa: questa ragazza è una punta di diamante, un autentico talento vocale.

Alessandra Amoroso - StupidaIl sentiero magico di Stupida è composto da sette tracce. Il brano Stupida apre le danze, con la voce di Alessandra che aggiunge un colore strumentale al pezzo, senza rubare in alcun modo la scena

Il sentiero magico di Stupida è composto da sette tracce. Il brano Stupida apre le danze, con la voce di Alessandra che aggiunge un colore strumentale al pezzo, senza rubare in alcun modo la scena alla tessitura brillante di pianoforte, basso e batteria.

Da qui, secondo brano dell’album, assapora uno stile dalle venature sia pop che rap, mentre Splendida follia è un pezzo che porta in sè un crescendo di variazioni pop/rock quasi minimaliste, con delle melodie assorte e nitide.

E’ ora di te è perfetta, una traccia che nasce piacevolmente assorta, per poi regalare emozioni che fanno esplodere l’anima; musicalmente è un pezzo forte e semplice allo stesso tempo, in stile blues con un coro quasi gospel che ne introduce la bellezza.

Immobile è un brano che abbiamo già ascoltato ripetutamente, dove la voce di Alessandra è il perno su cui ruota tutto; Immobile è una concessione a toni più radiofonici, con un ritornello che si fa leggero e godibile.

Stella Incantevole e Per ora un po’, esattamente sesta e settima traccia, raccontano dell’amore: quello che ti scorre dentro, che ti ruba l’anima, che ti attraversa piacevolmente nelle vene.

Stupida è un Ep da gustare sicuramente ad occhi chiusi…

Punteggio: 8


Alba Cosentino[ratemypost-result][ratemypost]

Se vuoi rimanere aggiornato su Alessandra Amoroso: recensione di Stupida iscriviti alla nostra newsletter settimanale