Virginio: il suo acoustic live a Milano il 26 febbraio

Virginio, la sua voce il suo pianoforte e la sua intensità di cantautore, accompagnato da chitarra e violoncello torna live nella sua Milano, al Memo Music Club con special guests a sorpresa.

VIRGINIO Ph.Alessandro CongiuVIRGINIO Ph.Alessandro Congiu

Milano, la città dove Virginio ha coltivato la sua dimensione di cantautore e di artista, è la città che accoglie la terza tappa del suo Acoustic Live sul palco del Memo Music Club, domenica 26 febbraio alle 22.00.

Virginio canta al pianoforte, accompagnato dalle note acustiche di chitarra e violoncello. Una scelta artistica che esalta la sua voce e le armonie su cui viaggiano i testi delle sue canzoni: versi che lo accompagnano da sempre e che esprimono l’incondizionato amore per la musica. “Di tutto, il meglio” (come il titolo di uno dei brani dell’album “Ovunque”, (Universal Music Italia 2012) per un artista che non si è mai risparmiato, che si è dato anima e corpo alle musica e alla scrittura, trovando negli accordi e nelle melodie del pianoforte un modo per raccontare il suo mondo.

“Questo live è un sunto delle esperienze fatte fino a qui, della volontà di maneggiare la musica nuda e cruda, sentirla scivolare sulle corde vocali, spogliata di ogni orpello. E queste canzoni accompagnano per mano chi ascolta” spiega Virginio.

Nel repertorio i brani tratti dai suoi tre album: “Alice”, “A maggio cambio”, “Ad occhi chiusi”, “Novembre”, “La dipendenza”, “Sale”, “Non ha importanza”, il singolo “Hercules” e l’interpretazione di brani evergreen come “Hallelujah” di Leonard Cohen e “Il cielo in una stanza” di Gino Paoli, oltre ad altre sorprese.

Di seguito i prezzi per assistere al live:

Ingresso concerto € 15,00 dalle 21,00 con consumazione.
Ingresso con tavolo € 20,00.
Info & Prenotazioni Memo Club: tel. 02 54019856


Redazione FullSong[ratemypost-result][ratemypost]

Se vuoi rimanere aggiornato su Virginio: il suo acoustic live a Milano il 26 febbraio iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*