Serena De Bari, l’intervista: “In primavera uscirà il mio Ep che sarà ricco di sorprese”

FullSong ha intervistato Serena De Bari in seguito all’esclusione dal serale della sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi.

Serena De BariSerena De Bari

Attualmente è in rotazione radiofonica il singolo Troppo fragile, un pezzo che evidenzia in maniera netta e decisa la grinta e la bravura di Serena, un brano che riesce a incantare con la sua grande potenza vocale chi sta ascoltando.

Sei giovanissima a soli 16 anni dimostri già una forte personalità e determinazione.
C’è stato un momento particolare dove hai detto: voglio fare la cantante?
Beh …che io ricordi no… è stata sempre una passione spinta dal cuore perché involontariamente mi trovavo in alcune circostanze dove riuscivo ad attirare l’attenzione per via della mia voce e di quella presenza scenica innata, dettata dalla voglia di voler inseguire un sogno ancora non ben definito.

Il ricordo della prima volta che ti sei avvicinata alla musica?
Diciamo che colei che mi ha incoraggiata e spinta nel canto poiché vedeva un qualcosa in me che tutti gli altri non riuscivano a vedere era mia mamma.
Credo che i miei primi debutti siano stati fatti in modo spontaneo
sulla base delle occasioni ma sopratutto su quelle coincidenze fatali,
piccoli accorgimenti che ti facevano notare quel qualcosa che ancora
doveva uscir fuori per via della mia tenerissima età dato che
parliamo di 10 anni fa.

Quali sono i riferimenti musicali e gli artisti che ti hanno accompagnata negli anni?

La mia musica la definisco “una storia d’amore” dato che la 
figura più importante che mi accompagna è Mina perché vedo in lei una
grande passione vera e una grande professionalità che un’artista ha
nei confronti della musica, purtroppo quello che non riesco a vedere
nei cantanti di oggi .

Ci parli del tuo singolo “Troppo fragile”?
Troppo fragile racchiude la fine di una grande storia d’amore dove
lei cerca di trovare forza nei ricordi ormai che ossessionano la sua
vita. Mette in risalto anche la solitudine e il vuoto che si possa
provare quando ti illudi di aver trovato l’uomo che possa portarti
via e difenderti da tutto e da tutti. Ma quello che le provoca più
dolore e il fatto che ci sia totale indifferenza tra i due come se non
ci fosse stato mai nulla,tutto spento come “un mozzicone di
sigaretta”.

Quanto incide la partecipazione a un talent per chi vuole intraprendere la carriera del cantante?
Sicuramente incide positivamente ma una volta che sei fuori devi
avere il team giusto che ti aiuta affinché tu possa venir fuori al
meglio.

Quale e il messaggio che vuoi trasmettere con la tua musica a chi ti ascolta?
Spensieratezza, amore, rabbia, dolore, sofferenza, divertimento ecc..
mix di emozioni che ritroviamo nel quotidiano e dato che la mia
musica rappresenta la mia vita odierna,devo dimostrare come l’affronto
giorno dopo giorno no? Ogni giorno abbiamo un’emozione che predomina
sulle altre quindi tutto questa sta a spiegare il mio perché sono
ancora qui a vivere la mia musica.

La colonna sonora e la canzone del film a cui sei più legata?
Non ne ho una in particolare ricordo solo che da bambina amavo
ascoltare una canzone di un cartone animato delle winks che appena
partiva piangevo come un fiume perché celava così tanta tristezza.
Perché parlava di credere in se stessi, di non arrendersi mai ,del
coraggio e potevi diventare una stella nel momento in cui iniziavi ad
avere fiducia in te .

Chiudi gli occhi e immaginati al centro di un palco per il tuo primo concerto… cosa vedi?
Vedo tutto quello che ho affrontato come un film ed io e la mia
Gold family ci godiamo la storia emozionandoci e ridendo insieme.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
In primavera uscirà il mio ep che sarà ricco di sorprese quindi
propongo a tutti coloro i quali vorranno seguirmi di restare
sintonizzati sui miei profili facebook e instagram.

Pamela Carbone per FullSong

Se vuoi rimanere aggiornato su Serena De Bari, l’intervista: “In primavera uscirà il mio Ep che sarà ricco di sorprese” iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*