Paolo Tocco: un nuovo disco e un nuovo libro

“Ho bisogno di aria” Ecco il titolo del nuovo disco e il nuovo romanzo di Paolo Tocco

Paolo ToccoPaolo Tocco

Un titolo che rapisce e non lo manda a dire: “Ho bisogno di aria”. Un inno di rivoluzione e di voglia di cambiamento, umano e spirituale. Nella musica del cantautore abruzzese si rinnova la voglia di restare fedeli ai dettami della canzone d’autore tradizionale ma sicuramente il percorso è in decisa evoluzione. Un suono grezzo spesso e volentieri per un album che per nella maggior parte del suo sviluppo sembra essere registrato dal vivo sotto la produzione di Giacomo Pasquali (ingegnere del suono al TouchClay Records), di Amedeo Micantoni e Danilo Florio (il chitarrista e  il violinista che con Tocco creano il nucleo portante di questo lavoro). Un disco pulito nella sua semplicità, che arriva dritto al messaggio con testi che sembrano raffinarsi ad ogni giro di boa e ad ogni ascolto, come se prendessimo coscienza pian piano delle mille sfaccettature di questo lavoro. Un disco che ovviamente non è capace di arrivare ai grandi media perché lontano dalla plastica certificata della grande industria (tanto per parafrasare la scrittura e il pensiero di Tocco) e noi siamo pienamente d’accordo accogliendo in questo pensiero la denuncia e l’invito nel tornare a dare spazio e attenzione ai progetti cosiddetti di nicchia… come questo “Ho bisogno di aria” ci sono numerosissimi artisti che hanno da dare molto alla bellezza del nostro ascolto e, quindi, della cultura italiana. E, per tornare al disco di Paolo Tocco, dentro ci troviamo tematiche spinose come il terremoto (da Abruzzese ovviamente non poteva che esserne in qualche misura contaminato), gli sbarchi clandestini con il dolcissimo dipinto che è “Arrivando alla riva” – guarda il VIDEO QUI-, troviamo il malaffare popolare con i cliché famosi che ormai usiamo tutti in “La città della camomilla” – guarda il VIDEO QUI, o ancora la vita di un senzatetto in “Pizzburg” (che il Tocco italianizza)… e tanto altro ancora. Ma su tutte sovrasta proprio la titletrack: una bellezza lirica e testuale che invade non solo l’ascolto ma soprattutto il pensiero di chiunque si voglia accostare all’ascolto. È un’invasione del quotidiano bella e buona. Forse il primo brano in cui la voce di Paolo Tocco è sfacciatamente quella di un cantante – per lui che si professa lontano da ogni didattica. E solo attraverso queste misure estreme si può sperare di lasciare un segno nella vita di qualcuno.

Ma “Ho bisogno di aria” è anche un ROMANZO edito da Lupieditore. Un piccolo viaggio, uno spaccato di vita di un ragazzo di provincia che si chiama Henry – in omaggio a Henry Cinaski visto che tutta la matrice narrativa attinge spudoratamente dalle liriche di Bukowski. Paolo Tocco scrittore sorprende soprattutto per una versatilità stilistica che non ti aspetti: non sembrerebbe eppure il disco e il romanzo sono della stessa penna. Mi accodo a quanto riportato da molte delle pubblicazioni che si stanno avendo a spasso per il web: se il disco dipinge atmosfere e scenari con tratti gentili e linee morbide, il romanzo non fa sconti di pena e sfrutta l’acido di un linguaggio volgare per mettere a nudo ogni angolo di una vita qualunque sommersa nelle ipocrisie sociali che tutti conosciamo. La vita di una città di provincia – “La città della camomilla” – il lavoro di Henry, il suo sangue impazzito e il sesso spudorato tra desideri e divieti. Appena 160 pagine (circa) che – nonostante sia questo il suo primo romanzo questo (ricordiamo che nel 2016 era stato pubblicato per Tabula Fati il libro “Il mio modo di ballare”, racconti di fantasia per spiegare la genesi delle canzoni che componevano l’album omonimo) – riescono davvero conquistarti senza troppo sforzo. Solo nel finale la volgarità di un linguaggio beatniks – come dice lo stesso Tocco – ritrova la dimensione cantautorale regalandoci una conclusione commovente e spirituale.

“Ho bisogno di aria” dunque è un CD ma anche un VINILE che a breve saranno disponibili anche fisicamente negli store digitali, pubblicato da IRMA Records e distribuito da SELF.
Il romanzo invece è disponibile da Lupieditore (www.lupieditore.it).

Redazione FullSong

Se vuoi rimanere aggiornato su Paolo Tocco: un nuovo disco e un nuovo libro iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*