Lebowski: un nuovo disco di avanguardie

Si intitola “Cura violenta” questo nuovo disco dei Lebowski che sinceramente dalle prime mi aveva fatto credere ad un bel lavoro strumentale che potesse coniugare a se l’eleganza alla psichedelia.

LEBOWSKILEBOWSKI

Meraviglioso dialogo di sax in questa canzone d’apertura che da il titolo al disco. Si cambia subito scenario, l’apertura tribale di “Animali nella Notte” ha poco da giocarsi in quanto a melodia spalmando una la voce dalla timbrica tagliante su un tappeto di dub distorto alla indie maniera. Ed è poi questo il gran filo conduttore stilistico di questo lavoro, scenario noise che pesca dall’italiano medio del settore in brani come “Mi Sento Uh!” o dalla canzone d’autore di Silvestri (sembra assurdo ma è così) quando cantano la giocattolosa “L’Antagonista”. Il singolo “Paolo Ruba Cuori” ha quel sapore artificiale elettronico che un poco mi rimanda alle stesure sociali di Frei o a quel certo modo di unire a se canzone d’autore e mood cibernetici. E troviamo anche l’urbanizzazione dei polizieschi anni ’70 con questi riff di chitarra o qualche disegno melodico come accade in “Giorno Zero” per esempio nella prima fase di sviluppo dell’ultima traccia “Journal Noir”. L’elettronica d’avanguardia di Gianluca Lo Presti (registrazione e mix del progetto) ha pensato e voluto un disco difficile nel dialogo come nella fattura, in cui i suoni sono ricorsivi e anestetizzanti, in cui il noise non lascia scampo alla poesia e dove la voce avrebbe potuto sicuramente cercare altro oltre al solito status quo indie di urlatori rancorosi. “Cura Violenta” è un disco che aiuta a lasciare segni evidenti di questa nuova scena musicale italiana anche se sarà dura e lunghissima la lotta contro gli stilemi pop del santo amato main stream.

Redazione FullSong

Se vuoi rimanere aggiornato su Lebowski: un nuovo disco di avanguardie iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*