Gino Paoli, mare in tempesta per il brano Il Pettirosso

A poche ore dall’uscita del nuovo album del cantante Gino Paoli dal titolo Storie, il pezzo Il Pettirosso contenuto nel disco è nella bufera.

Gino Paolihttps://www.fullsong.it/uploads/model_8/News/GINO_PAOlii_jpg_big.jpg

E così dopo Povia e il suo Luca era Gay, dopo Masini e la sua Italia, ecco che anche il cantautore genovese si trova in balia delle critiche per il brano Il Pettirosso, pezzo che narra la storia di uno stupro ad una bambina dove alla morte dello stupratore la bambina prova pietà e lo perdona.

La commissione parlamentare per l’Infanzia ha deciso di convocare al riguardo Paoli, nell’ambito della indagine conoscitiva contro la pedo-pornografia.

La presidente Alessandra Mussolini non ha dubbi: “È un testo equivoco“. È la storia straziante dello stupro di un vecchio ai danni di una bambina, in cui lui alla fine muore e lei ne prova pietà. “Visto il testo della canzone abbiamo deciso di audirlo perché è equivoco e non c’è una giustificazione per atti del genere –  Questo è quanto dichiara l’onorevole al VELINO.

Ma anche Luca Barbareschi del PDL, Gabriella Carlucci  ed altri parlamentari si rivoltano per il testo della canzone, dichiarando che non si può ascoltare un brano del genere.

Capita sempre piu’ spesso dichiara Barbareschi– che gli artisti, pur di promuovere un prodotto della loro arte, alimentino il dibattito sfruttando le tematiche piu’ assurde . Se cosi’ dovesse essere anche nel caso di Paoli, le sue parole suonerebbero ancora piu’ scandalose: cantare un sentimento di pietas di una bambina nei confronti del suo carnefice e’ assurdo, inconcepibile, mostruoso, anche in una canzone, in special modo se chi la diffonde e’ un artista accreditato come Gino Paoli.

Chissà a chi toccherà prossimamente passare sulla graticola e friggere…

Fonte: Ansa


Pubblicato in

Se vuoi rimanere aggiornato su Gino Paoli, mare in tempesta per il brano Il Pettirosso iscriviti alla nostra newsletter settimanale