Gaetano Curreri, leader degli Stadio, firma il brano testimonial del Premio Lunezia, interpretato da Loredana D’Anghera.

Gae Capitano, grande autore con la A maiuscola, ci regala un’analisi dettagliata della canzone.

GAE CAPITANOGAE CAPITANO

Gae Capitano, vincitore del Premio Lunezia Autori 2012, finalista del Premio De Andrè 2014, Primo Classificato al Premio Panchina 2011 e unico autore italiano ad aver collaborato al Disco di Platino “Il Padrone della festa”, del trio romano Fabi, Silvestri, Gazzè (nel piccolo capolavoro senza tempo de “Il Dio delle piccole cose”), candidato al Premio Tenco 2015 come miglior Album cantautoriale italiano, ci regala un’analisi tecnicamente perfetta del brano: “Sono stato innanzitutto incuriosito dal “peso” della scelta di un brano testimonial da parte di un premio così noto, solitamente avvezzo a esporre giudizi sulle opere di altri artisti, a partire, per esempio dai brani del Festival di Sanremo (n.d.r. Il Premio Lunezia premia ogni anno i testi migliori della kermesse canora).

Ma già dai primi istanti di ascolto di “Parole senza musica”, la sensazione è stata quella di trovarsi di fronte ad una produzione raffinata, in equilibrio tra musica pop e canzone d’autore, con un testo di grande livello in cui vengono evocate immagini significative e delicate, con l’utilizzo di un linguaggio apparentemente comune e diretto, che pur mantiene un alto profilo stilistico come si può dedurre da alcuni passaggi letterari: <Nascono da sole come il sale in mare […] restano in silenzio quando tu sei triste, le puoi colorare coi pensieri tuoi […] gli puoi dare il peso che decidi tu […] sono indirizzi senza numero> .

Ad un’analisi più attenta il brano rivela caratteristiche musicali inusuali: i tempi e i suoni appartengono al mondo del pop radiofonico – con una elettronica discreta di “drum machine” e “pad” in stile anni 80, un ampio uso di chitarre e una stesura da 03:30 minuti- ma la struttura dei periodi è quella di una canzone cantautorale: un veloce susseguirsi di strofe e ritornelli (con un singolo accordo a fare da bridge tra i due) e una serie di continui cambi di atmosfera che -con salti di tonalità, riprese intimistiche, orchestrazione in crescendo- creano piacevoli dinamiche, spezzate da un inaspettato special orchestrale in tonalità minore, dall’effetto molto cinematografico”

“Ho avuto il piacere di conoscere personalmente, dietro le quinte del Premio Lunezia, Loredana D’Anghera di cui ricordo l’eleganza, la professionalità, i modi delicati. Caratteristiche che ha lasciato trasparire nell’ interpretazione di questo brano, che aveva il difficile compito – anche per una vocalist esperta come lei, capace di spaziare dal jazz alla canzone d’autore – di una esecuzione che lasciasse in primo piano il contenuto del messaggio, l’importanza delle parole, in sintonia con la linea di pensiero del Premio. Obiettivo perfettamente raggiunto, con la sua interpretazione garbata ed emozionale”

“Il brano si chiude con una coda corale che nasconde nel testo una verità semplice ma fondamentale per il mondo della musica: “Le parole senza musica, sono parole nuove… se c’è la musica”. Perché in fondo è questa la magia delle canzoni: la capacità di veicolare, nel modo più intenso e diretto, le parole all’animo delle persone. E questo brano coglie il segno, perché – come un buon vino d’annata -ci lascia in retrogusto immagini e pensieri su cui riflettere e la leggerezza di una linea melodica semplice e raffinata al tempo stesso.
Mi perdonerà la sintesi il direttore artistico della sezione letteraria, Paolo Talanca (critico musicale, collaboratore storico del premio) ben più esperto in materia di analisi tecnica delle opere.”

“Parole senza musica” di Loredana D’Anghera e Gaetano Curreri, merita, in conclusione, di rappresentare la filosofia della continua ricerca della qualità e del valore musicale e letterario delle canzoni che da sempre distingue il Premio Lunezia, uno tra i più tecnici e prestigiosi premi d’elite italiani”
Gae Capitano

E’ stato pubblicato in questi giorni il videoclip ufficiale del brano testimonial del Premio Lunezia“Parole senza musica”, di seguito il videoclip

 


Alba Cosentino[ratemypost-result][ratemypost]
“Parole senza musica"

Se vuoi rimanere aggiornato su Gaetano Curreri, leader degli Stadio, firma il brano testimonial del Premio Lunezia, interpretato da Loredana D’Anghera. iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*