Fuoricentro, in radio ‘Pia Contessa’, il brano contro l’omofobia

I Fuoricentro lanciano in radio “Pia Contessa”, singolo che tocca un argomento delicato ed estremamente attuale come l’omofobia.

FUORICENTROFUORICENTRO

Lo fanno con un tono ironico e quasi favolistico, con la storia di un uomo moralista di giorno e peccaminoso di notte che, una volta scoperto per le sue scappatelle tra parchi e parcheggi, riceverà lo stesso trattamento da lui solitamente riservato al prossimo. Il tutto viene raccontato su un tappeto sonoro ammiccante, che richiama sia il rock anni’70 che l’elettro-pop anni ’80. A firmare la canzone sono il cantante Maurizio Camuti e il chitarrista Roberto Arru.

«Pia Contessa nasce circa cinque anni fa, con l’intento di scrivere qualcosa di ‘diverso’, una realtà sconosciuta ai più ovvero l’omofobo etero fasullo e represso, quasi invidioso e spaventato della libertà altrui. Uno frustrato che nutre pulsioni irrefrenabili verso coloro che al bar con amici, al ristorante, tra i discorsi con i familiari, rifiuta e disprezza. Un ‘carnefice’ che è a sua volta vittima di se stesso e della sua educazione, costretto a manifestare le proprie pulsioni in gran segreto, con il travestitismo o banalmente attraverso incontri occasionali, nei momenti liberi rubati, nei parcheggi, insomma in posti e con persone che non potranno essere testimoni dell’inconfessabile» – spiega Maurizio – «Ho voluto raccontare il tutto in maniera molto ironica ed inaspettata, fornire l’altro lato della medaglia del fenomeno legato all’omofobia, proprio per far venire a galla i ‘peccati’ di una certa frangia di popolazione che molti non si aspetterebbero e non immaginerebbero neanche».


Alba Cosentino

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

Se vuoi rimanere aggiornato su Fuoricentro, in radio ‘Pia Contessa’, il brano contro l’omofobia iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*