Ermal Meta e Giuliano Sangiorgi a #PalermoChiamaItalia

Oggi, martedì 23 Maggio, 70.000 studentesse e studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l’iniziativa organizzata dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D’Amelio.

PalermoChiamaItaliaPalermoChiamaItalia

Hanno perso la vita, venticinque anni fa, i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina.

Come ogni anno, due cortei animeranno le strade di Palermo, attraversando i principali luoghi della memoria della città. La partenza è alle ore 15.30 dall’Aula Bunker e alle 16.00 da Via d’Amelio. I due cortei si uniranno sotto L’albero Falcone in via Notarbartolo alle 17.00. Dopo l’arrivo dei cortei, ci sarà il momento solenne in ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e di Via d’Amelio. Sul palco, si esibiranno gli studenti e le studentesse della Scuola Amari Roncalli Ferrara di Palermo con la canzone “Palermitani’s Karma, quelli dell’Istituto De Amicis di Vibo Valentia con la filastrocca “A Giovanni, Paolo, Francesca e agli angeli della scorta” e l’artista Aida Satta Flores con due brani dedicati a Giovanni Falcone. Oltre alle principali Autorità delle Istituzioni, si avrà il contributo di Vito Lo Monaco, del Centro Studi Pio La Torre, l’intervento del Consigliere del CSM Dr Luca Palamara e l’esibizione musicale di Ermal Meta. Alle 17.55 saranno letti i nomi delle vittime delle stragi dal Presidente del Senato Pietro Grasso e alle 17.58, ora della strage di Capaci, verrà eseguito il Silenzio dal trombettiere della Polizia di Stato. A chiudere la celebrazione l’artista Giuliano Sangiorgi.


Alba Cosentino

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

Se vuoi rimanere aggiornato su Ermal Meta e Giuliano Sangiorgi a #PalermoChiamaItalia iscriviti alla nostra newsletter settimanale


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*