Britney Spears sciattona e petomane secondo l'ex bodyguard

Secondo la testimonianza del suo ex bodyguard, Britney Spears sarebbe molto sciatta e particolarmente incline a “darsi delle arie”: petomane e per giunta sporca, l’uomo c’è andato giù pesante. Lo staff della Spears però smentisce.

Britney Spearshttps://www.fullsong.it/uploads/model_8/News/britney_spears_femme_fatale.jpg

Nuovi gossip su Britney Spears, stavolta in arrivo dalle aule del tribunale devo si sta svolgendo il processo contro la pop star, per via di una denuncia per molestie spiccata da un ex bodyguard.
Chiamato a testimoniare per chiarire i termini dela questione, Fernando Flores avrebbe tracciato – stando a quanto si apprende dalle colonne del giornale “Mail” – un quadro affatto lusinghiero della Spears: secondo lui, la ragazza sarebbe molto volgare, sciatta e poco incline alla pulizia personale.
C’è di più: sempre secondo il bodyguard, Britney scorreggerebbe rumorosamente molto spesso, metterebbe le dita nel naso e userrebbe un tono di voce alto anche immotivatamente.
Questi comportamenti reiterati nel tempo, uniti a presunte molestie di stampo smaccatamente sessuale, avrebbero indotto Fernando Flores a chiedere un risarcimento di circa 10 milioni di dollari per danni psicologici.
Non pago di aver rivelato vizi (e a quanto pare zero virtù) della popstar, l’ex bodyguard ha affermato che nel corso dei primi giorni di lavoro, altri colleghi l’avrebbero avvisato circa questi sgradevoli atteggiamenti tenuti da Britney.
Questa circostanza è stata però smentita da tutto lo staff della Spears che, compatto, ha respinto questo dichiarazioni al mittente, tenendo a precisare che “Flores è un bugiardo”.
Quanto altro di così personale finirà negli atti processuali? Britney, all’indomani di questa udienza, non ha rilasciato alcuna dichiarazione ufficiale, continuando imperterrita nel suo Femme Fatale Tour.


Stefania Bochicchio[ratemypost-result][ratemypost]

Se vuoi rimanere aggiornato su Britney Spears sciattona e petomane secondo l'ex bodyguard iscriviti alla nostra newsletter settimanale