Mariella Nava a Bari per raccontare la sua “Epoca”: live il 10 marzo al Teatro Purgatorio

Venerdì 10 marzo presso il Teatro Purgatorio di Bari, alle ore 21.00, Mariella Nava incontrerà il pubblico, in occasione dell’uscita del suo nuovo album: “Epoca”.

Mariella NavaMariella Nava

La nuova produzione arriva a coronamento dei trent’anni di carriera dell’artista, iniziato con il suo primo Festival di Sanremo nel 1987.
“Epoca” arriva a quattro anni di distanza dal suo ultimo disco “Tempo mosso”.
Il nuovo album d’inediti è stato anticipato dai singoli “Prima di noi due” e “Il nostro correre”.
Un album che vuole collegare tradizione e futuro della nostra canzone e in cui Mariella scrive, interpreta, suona, arrangia, circondandosi dei suoi più affezionati musicisti.
La cantautrice tarantina si esibirà per l’occasione in trio, dove il tocco delicato e penetrante del suo piano, sarà impreziosito dall’ecletticità di Sasà Calabrese, al basso e di Roberto Guarino alla chitarra.

Lo show-case risulterà anche l’occasione per riascoltare alcuni dei brani più celebri di Mariella Nava: “Così è la vita”, “Piano inclinato”, “Mendicante”, senza dimenticare “Per amore”, interpretata anche da Andrea Bocelli, “Come mi vuoi” scritta per Eduardo De Crescenzo, “Spalle al muro”, meglio ricordata come “Vecchio”, che valse il secondo posto sanremese a Renato Zero nel 1991 e il ripensamento a non abbandonare le scene.

Mariella Nava, sempre attenta ai temi culturali e sociali del nostro Paese, segue, affianca ed è da sempre vicina e partecipe a molti eventi importanti a titolo di solidarietà.
Premiata con tanti riconoscimenti per questa sua attenzione ai temi sociali attraverso testi toccanti di grande intensità, nel giugno 2015, è stata insignita dell’onorificenza di Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana.
Per informazioni sulla serata : www.teatropurgatorio.it

Redazione FullSong

Se vuoi rimanere aggiornato su Mariella Nava a Bari per raccontare la sua “Epoca”: live il 10 marzo al Teatro Purgatorio iscriviti alla nostra newsletter settimanale

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*